Clicca qui per aprire la cartina su SvizzeraMobile
Click here to open the map on the app SchweizMobil
Tipologia
Type of hike
Semicerchio
Semicircle
Lunghezza
Leght
22 km
22 km more or less
Dislivello
Difference
2’000 m circa
2’000 meter more or less
Tempistica (senza pause)
Timing (without breaks)
Fatta in un giorno, circa 9 ore
Fatta in due giorni con soggiorno alla Capanna Alzasca: circa 4-5 ore fino al laghetto, ed il giorno dopo 4-5 ore a scendere circa.

If you do it in one day, more or less 9 hours.
But you can also sleep at the Capanna Alzasca and you will hike 4-5 hours the first day till the lake Alzasca, then 4-5 hour to descent to Cevio the next day.
Mezzi di trasporto
Public transportation
Da Locarno FFS-FART, autopostale 315 (linea gialla) in direzione di Cavergno Paese e scendere a SOMEO.

From Locarno FFS-FART, bus 315 (yellow line) direction Cavergno Paese, get off the bus in SOMEO.
Parcheggio
Parking
Clicca qui per aprire google maps
Click here to open google maps


Posteggio nei pressi del campo da calcio di Someo
Bambini
Children
Se pianificate un’escursione su due giorni, con dormita alla Capanna Alzasca, i bambini dai 6 anni in su potrebbero farcela bene. Occhio però che fino all’Alpe Soladino ci sono quasi solo scalini (vedi foto).

If you plan to sleep at the Capanna (Hut) Alzasca, you kids might do it, but from 6yo because for the first 2 hours walking (until the Alpe Soladino) there are just steps, hundrens-thousend steps (see pictures)
Acqua
Water
Non ci sono fontane per le prime due-tre ore (Alpe di Soladino), fate rifornimento prima sia per i cani che per voi.

There’s no water for the first two-three hours walking (until the Alpe di Soladino). Bring your own for you and for your dog.
Ulteriori informazioni
More information
BUS

Ticino Turismo

Capanna Alzasca

Per quest’anno, io ed il mio compagno abbiamo redatto una top 5 personale che vorremmo fare.
Passeggiate, Capanne, Campeggi o Cime.
Ci stimola un pò a pianificare, prenderci del tempo per noi e stare insieme!
Lavoriamo tutti e due a turni e non sempre è facile prendersi la giornata ma ci proviamo.

Quest’oggi vi portiamo in una nostra top 5 (entrambi abbiamo scritto questa meta).

IL LAGHETTO D’ALZASCA

Abbiamo voluto suddividere questa gita su due giorni, per prenderci la vacanzina con calma e così, è nata l’idea di partire da Someo e arrivare fino a Cevio. Lunghissima ma bellissima!
Se sei ben allenato a scendere con le gambe stanche, bene, potrai farla in un giorno, caso contrario fai come noi e fermati in Capanna Alzasca perchè la discesa di ucciderà le gambe, fidati 😉

A Someo, vicino al campo da calcio ci sono dei parcheggi gratuiti e comodissimi, la potete lasciare lì la vostra automobile per due giorni senza problemi.
Occhio all’orario perchè la zona è molto conosciuta per passeggiate, picnic e bagno al fiume, si riempono subito in tarda mattinata!

Ponte sospeso sul fiume Maggia a Someo

Allora, qui arriva la prima complicazione: il ponte sospeso sulla Maggia.
Chi ha le vertigini o chi ha cani che non passano i ponti bucherellati, ecco che qui si pone il primo problema.
Il ponte è lungo 364 metri ed è completamente bucato, in pratica il cane (o tu) vedrà sotto!

Ma se riuscirete a passare il ponte senza troppe difficoltà vi ritroverete a costeggiare il fiume per una 20ina di minuti, il tempo per riscaldare le gambette per la salita che vi aspetta!

CHI PIÙ IN ALTO SALE, PIÙ LONTANO VEDE, CHI PIÙ LONTANO VEDE, PIÙ A LUNGO SOGNA. Cit Walter Bonatti.

Ebbene, ricordatevi questa bellissima citazione di Walter Bonatti quando salite perchè vi avverto, per le prossime 2-3 ore vedrete solamente scalini, scalini ovunque.
Mordor non è nulla in confronto……

(Piccola parentesi, ad un certo punto arriverete ad una cappelletta con un cartello indicato due volte Capanna Alzasca, la prima ci metterete di meno e la seconda di più!
Se prendete quella che ci mette DI MENO, farete il sentiero con gli scalini, se prendete quello che ci mette DI PIÙ, prenderete il sentiero che costeggia il fiume, vedrete a quanto pare una cascata bellissima, il sentiero è più facile a quanto ci han detto ma non passerete dall’Alpe che vi stiamo per citare ora…. a voi la scelta)

L’Alpe di Soladino, un piccolo paradiso dopo tutta la fatica fatta per arrivare ad una prima meta.
Se andrete in questo periodo (giugno-luglio 2020), vi accoglieranno tante bellissime caprette e 3 tenerissimi maialini di 4 mesi che vi seguiranno per tutta l’alpe. SONO TENERISSSSIMIIIIIIII!

Argo e Naira erano abbastanza incuriositi da questi simpatici amichetti, ma ho preferito tenerli dietro di me in quanto non sapevo bene come avrebbero reagito se si fossero avvicinati.

Ma continuiamo la nostra passeggiata che ahimè non è ancora finita.
Ci mancavano ancora due ore di scarpinata prima della Capanna, del pranzo e di una buonissima e rinfrescante bibita ghiacciata.

Dopo l’Alpe vi inoltrerete in un bosco, poi un’altra alpe e di nuovo bosco, ma qui inizia il bello, la vostra meta sarà sempre più vicina!

Si lo so, vi starete chiedendo cosa ci fa una capra con un osso, ebbene, non lo so nemmeno io 😛

Fatto sta che, se avrete cani con voi, diciamo che per la loro sicurezza, dall’alpe di Soladino fino alla Capanna è meglio tenerli al guinzaglio.

Noi abbiamo incontrato solo capre e maialini, ma c’erano anche mucche nutrici (mannaggia, queste poi hanno gli ormoni ballerini, a volte non ti guardano nemmeno e a volte ti caricano), poi pecorelle ed infine (ma non meno importante) IL LUPO!
Sisi, abbiamo incontrato il contadino che porta le mucche in alpe e ci ha confermato che la stessa mattina un lupo aveva sguarciato due pecore e sgozzato una. Curiosi e ingenui come sono, Argo e Naira gli avrebbero fatto un agguato per giocare non capendo fosse selvatico.

Sarà dura, maledirete il giorno in cui avete scelto di salire fin su lì, probabilmente mi fischieranno le orecchie perchè maledirete pure me ma ve lo assicuro, sedersi lì fuori, pranzare in perfetta tranquillità con magari una birretta fresca in mano, sarà una meraviglia!

Se potete fermatevi in Capanna a dormire, dal 30 giugno (2020) è custodita e non dovrete nemmeno portarvi cena e colazione con voi (risparmierete qualche kg nello zaino).

Se invece preferite fare tutto in un giorno, salirete fino al laghetto di Alzasca, per poi dirigervi verso la bocchetta di Cangéi e scendere verso laghetto di Sascola e Cevio.

Laghetto di Alzasca

Al laghetto, tanti fanno campeggio, e questa sarebbe un’altra ottima opzione in quanto avrete un bel prato dove piazzare la tenda.

Argo e Naira l’hanno testato per voi e dicono che è morbido e vellutato 🙂

Dopo il laghetto, potrete andare fuori sentiero e ricollegarvi al sentiero ufficiale, non è così complicato, diciamo che è tutto prato!

Appena vi ricollegherete al sentiero, le indicazioni per la bocchetta saranno subito evidenti!
La bocchetta ha un bellissimo passaggio, non pericoloso ma con una vista stupenda, è il punto più alto della gita, godetevela!

Adesso arriva il peggio.
Inizierete a scendere d’apprima su un sentiero che… è sassoso ma ve la caverete bene.
Il problema si pone quando piano piano iniziano a diventare solo sassi, e sarete STUFI 😛

Questo è il passaggio più pericoloso che abbiamo riscontrato, solo sassera e molto friabile, cani via dal guinzaglio e occhio a dove mettete i piedi.

Il colmo è che, per tutta la gita abbiamo tenuto i cani al guinzaglio perchè le pecore, spaventate dal lupo, sono scappate d’appertutto e ci hanno consigliato di non lasciarli.
Non ne abbiamo vista una, ma al momento in cui abbiamo dovuto lasciarli per questo passaggio, poco sotto c’era un capriolo.
MANNAGGIA!
Sono tornati dopo 5 minuti, il tempo di scendere, ma lo spavento ce lo siamo presi comunque!

Ci siamo goduti poco il laghetto di Sascola, stava piovendo, eravamo stanchi e ci mancavano ancora più di 2 ore di passeggiata.
Ci rifaremo la prossima volta!

Pensavate di esservi fatti sfuggire gli scalini? EH NO AMICI!
Dopo il laghetto, scenderete in un bosco prima di pini e poi si trasformerà in faggio, quando inzierete a vedere tracce del castagno, ecco che gli scalini compariranno, come il vostro peggiore incubo!

Ma non abbattetevi, sarete quasi arrivati a Cevio!

È stata una gita bellissima, piena di emozioni, stanchezza, qualche “parolaccia” alle gambe che non andavano più nell’ultimo pezzo e tanta, tanta voglia di rifarlo ancora!

Spero che questa breve descrizione vi sia piaciuta e che prossimamente andrete a fare questa bellissima escursione!

Se aspetterete il 30 giugno, la capanna sarà custodita.

Dimenticavo, i cani in capanna sono quasi accettati, se non custodita e in accordo con gli altri ospiti, possono dormire in mensa (ma separati da voi), se invece custodita, dovrete mettervi d’accordo con il guardiano.

Alla prossima escursione amici.

Municipio di Cevio, la più bella facciata in Ticino che ho visto fin’ora