Clicca qui per aprire la cartina su SvizzeraMobile

Data escurione09.09.2020
TipologiaCircolare
Lunghezza+16km
Dislivello in salita+1’400m
Tempistiche (senza pausa)circa 07h00
Mezzi di trasportoDovete arrivare a Spiez, da lì prendere un qualsiasi collegamento per Kandersteg (il più veloce è il treno in direzione Domodossola) e poi prendere il BUS che vi porterà da Kanstersteg Bahnhof alla fermata di Kandersteg Sunnbüel.

Tutte le info le trovate sull’orario online delle FFS
ParcheggioClicca qui per aprire Google Maps
Parcheggio a pagamento
BambiniMa certo.
Magari non fate proprio questo giro ma potete arrivare ad Oberbärgli e fermarvi per un pranzetto o una bibita. Oppure fermarvi al lago, balneabile e bellissimo!
AcquaNon c’è acqua sul percorso, fornite le borracce per voi e per i cani.
Ulteriori informazioniOeschinensee.ch

Webcam Oeschnensee

Kandersteg.ch

Un’escursione senza cani.
Per chi mi conoscere penserà: “non dire baggianate, tu senza cani?”

A settembre 2020, Simone ed io, siamo stati a fare un giretto per la Svizzera senza Argo e Naìra, abbiamo trovato loro un bel posticino dove poter dormire, passeggiare ed essere coccolati e siamo partiti all’avventura.
Ogni tanto ci vuole svagare la mente, anche perchè chi ha cani lo sa, ci si preoccupa che stiano sempre bene.

Abbiamo fatto tre bellissime escursioni, ma voglio iniziare proprio con questa: l’Oeschinensee.

Ero già stata nell’Oberland Bernese, ed anche a Kandersteg, a vedere questo splendido laghetto, ma ho avuto un’esperienza bruttissima.

Eravamo con mio cugino, moglie, figli e cani a fare una passeggiata e bagno al lago. Era una splendida giornata ed era anche il 1. Agosto, potete quindi immaginare la ressa che c’era (era il 2018, senza Covid-19), ci mettiamo comodi comodi sulla sponda destra del lago, asciugamano pronto, costume cambiato ed un bel tuffo!

Dopo qualche nuotata, un gioco o due con i bimbi e corsetta con i cani sulla sabbia, ARRIVA IL TEMPORALE.

Voi non potete immaginare con quale carica d’acqua è arrivato. Nel giro di 10 minuti sulla sponda del lago stavano cadendo detriti dalla montagna. Impressionante! Siamo letteralmente corsi via, lasciando li tutto l’indispendabile perchè era molto pericoloso!
Lo stesso giorno la Rega è passata due volte a soccorrere due sfortunati escursionisti.
Uno dicevano che aveva avuto la peggio 😦

Quando vi dicono che la montagna è imprevedibile, CREDETECI!
Eccovi alcune fotografie, le prime due scattate poco prima del temporale (5 minuti prima c’era il sole), le ultime due dopo il temporale.

Ma l’Oeschienensee ha un colore spettacolare, questo azzurro glaciale, che richiama il Canada più selvaggio, la sua grandezza ( è infatti il lago alpino più grande della Svizzera) la sua completezza con fauna & flora, animali selvatici, colori e boschi. Volevo assolutamente vederlo nel suo più totale splendore: con il sole!

Come ogni vacanza che si rispetti, siamo arrivati tardi a Kandersteg.
L’idea iniziale era di salire a piedi da Kandersteg ma… il giorno prima eravamo sulla Jungfrau, che ci ha lasciato un balordone in testa, quindi, abbiamo optato per la funivia.

Costa relativamente poco quindi è un’ottima alternativa.
Inoltre se decidete di comprare solo l’andata ed a fine giornata vedete che preferite scendere sempre con la funivia, vi faranno acquistare solo la differenza del biglietto combinato. MA C’EST FANTASTIQUE!

Vi consiglio di seguire inizialmente il sentiero che vi porta verso la Berghaus, arriverete proprio ai piedi del lago, se seguite il nostro percorso verso il Ristorante Sennhütte, lo vedrete solo da lontano.

Avevamo ancora in testa la Jungfrau, sia per la sua bellezza ma anche per la sua altezza, infatti abbiamo patito questa passeggiata, la pressione atmosferica ci ha rallentato molto.

La zona è un piccolo paradiso incastonato tra queste quattro magnifiche vette da 3’000m: Blüemlisalp, l’Oeschinenhorn, il Fründenhorn e il Doldenhorn e questo ci ha dato una spinta in più per continuare la nostra passeggiata ed ammirare i paesaggi.

Arrivati all’altezza della Oberbärgli, sentivamo il richiamo echeggiante di una panache con vista, ma causa Covid-19 abbiamo optato per andare avanti. Troppa, TROPPA gente a questa piccola Capanna con vista “See”. Un vero peccato!

Ma poco male, andando avanti abbiamo scoperto un angolino dove poter mangiarci in tutta tranquillità il nostro panino e ciliegina sulla torta: con vista lago!

Ma non l’Oeschinensee, il Rossbode See.
Un piccolo laghetto alpino ai piedi del Blüemlisalpgletscher, guardate i colori:

Dopo pranzo e qualche foto, mentalmente eravamo super convinti di riuscire a raggiungere la Blüemlisalphütte, ma purtroppo il corpo ci ha abbandonati e siamo tornati indietro sullo stesso (ed unico) sentiero.

Arrivati all’altezza dell’Oberbärgli però, abbiamo preso il sentiero sulla destra, il sentiero alto che arriva diritto alla funivia.
Avrete una vista mozzafiato, sul lago e sulle cime circostanti.

Vi godrete ogni passo, immersi tra roccia, prati e boschi.
È stata la parte più rilassante e piacevole di tutta la giornata, inoltre non tutti prendono questo sentiero perchè presenta alcuni punti esposti ed altri muniti di catene.

Ma non dovrete preoccuparvi, niente di complicato, anche per chi ha le vertigini.
Basta passare via dritto e non guardare troppo “giù” 🙂

Tutto sommato è stata una giornata favolosa e sicuramente abbiamo imparato che: le grandi altitudini non aiutano se bisogna camminare.

Bisogna dare al corpo il giusto riposo e saperlo anche ascoltare, noi avendo fatto la Jungfrau il giorno prima (con il trenino) ma siamo scesi dall’Eigergletschertrail fino a valle. Inoltre, non soddisfatti abbiamo cenato pesante (io cordon bleu e Simone tartar di manzo), non hanno aiutato la gita a Kandersteg 😛

Ma torneremo, con i cani, perchè la Blüemlisalphütte ci è proprio rimasta sul groppo!

Ciao Amici,
Tante belle escursioni a tutti!

Questa volta, un saluto solo da Stephanie e Simone.